28/03/2010

Decreto incentivi Edilizia libera

Posted in news tagged , , , , , , , , , , , a 13:44 di stefanomichelato

DECRETO-LEGGE 25 marzo 2010, n. 40

Art. 5
Attivita’ edilizia libera

1. L’articolo 6 del testo unico delle disposizioni legislative e
regolamentari in materia edilizia, di cui al decreto del Presidente
della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, e’ sostituito dal seguente:
«Art. 6 (L) – (Attivita’ edilizia libera). – 1. Salvo piu’
restrittive disposizioni previste dalla disciplina regionale e
comunque nell’osservanza delle prescrizioni degli strumenti
urbanistici comunali e nel rispetto delle altre normative di settore
aventi incidenza sulla disciplina dell’attivita’ edilizia e, in
particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio,
igienicosanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica
nonche’ delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e
del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42,
i seguenti interventi possono essere eseguiti senza alcun titolo
abilitativo:
a) gli interventi di manutenzione ordinaria;
b) gli interventi di manutenzione straordinaria di cui
all’articolo 3, comma 1, lettera b), sempre che non riguardino le
parti strutturali dell’edificio, non comportino aumento del numero
delle unita’ immobiliari e non implichino incremento dei parametri
urbanistici;
c) gli interventi volti all’eliminazione di barriere
architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di
ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma
dell’edificio;
d) le opere temporanee per attivita’ di ricerca nel sottosuolo
che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attivita’ di
ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al
centro edificato;
e) i movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio
dell’attivita’ agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi
gli interventi su impianti idraulici agrari;
f) le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e
temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della
necessita’ e, comunque, entro un termine non superiore a novanta
giorni;
g) le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in
muratura, funzionali allo svolgimento dell’attivita’ agricola;
h) le opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni,
anche per aree di sosta, che siano contenute entro l’indice di
permeabilita’, ove stabilito dallo strumento urbanistico comunale;
i) i pannelli solari, fotovoltaici e termici, senza serbatoio di
accumulo esterno, a servizio degli edifici, da realizzare al di fuori
delle zone di tipo A di cui al decreto del Ministro per i lavori
pubblici 2 aprile 1968, n. 1444;
l) le aree ludiche senza fini di lucro e gli elementi di arredo
delle aree pertinenziali degli edifici.
2. Al fine di semplificare il rilascio del certificato di
prevenzione incendi per le attivita’ di cui al comma 1, il
certificato stesso, ove previsto, e’ rilasciato in via ordinaria con
l’esame a vista. Per le medesime attivita’, il termine previsto dal
primo periodo del comma 2 dell’articolo 2 del regolamento di cui al
decreto del Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37, e’
ridotto a trenta giorni.
3. Prima dell’inizio degli interventi di cui al comma 1, lettere
b), f), h), i) e l), l’interessato, anche per via telematica,
comunica all’amministrazione comunale, allegando le autorizzazioni
eventualmente obbligatorie ai sensi delle normative di settore e,
limitatamente agli interventi di cui alla citata lettera b), i dati
identificativi dell’impresa alla quale intende affidare la
realizzazione dei lavori.
4. Dall’attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi
o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.».
….
Entrata in vigore del provvedimento: 26/03/2010

dal sito Ispolitel

ogni commento è superfluo!!!

23/03/2010

Abolizione delle DIA – Comunicato dell’Ordine degli Architetti di Roma

Posted in architetti, geometri, ingegneri, news tagged , , , , , , , , , , , , , , , a 15:09 di alegre68

Abolizione della DIA per le opere di Manutenzione Straordinaria ecco il Comunicato dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia:

“……Da oggi, considerato anche lo stato di gran parte del patrimonio edilizio italiano, l’inizio dei lavori nell’appartamento del mio vicino di casa ci rende tutti più inquieti…..”
“……L’Ordine degli Architetti di Roma non vuole rassegnarsi a questo provvedimento… “

all’Ordine degli Architetti di Roma tutto il sostegno di ATEPRO !

NO DIA ? NO, GRAZIE !!!

Posted in news tagged , , , , , , , , , , , , a 13:41 di stefanomichelato

NO DIA? NO GRAZIE!!! è lo slogan che vogliamo per tutelare il territorio, le città, la professione di architetto. i motivi? sono talmente tanti ed evidenti che sembra inutile soffermarsi a commentare una simile devastazione. non è un semplice decreto. E’ la corruzione delle menti degli italiani che penseranno di poter fare qualunque cosa a casa propria, senza capire che cosa stiano realmente facendo. poi verremo noi a periziare i danni, i crolli, le liti. CHE RABBIA!
bisogna trovare al più presto le forme per protestare e contenere i danni!!

22/03/2010

EDILIZIA LIBERA TUTTI – NO DIA ? NO, GRAZIE !!

Posted in news tagged , , , , , , , , , , , , , , , a 12:07 di stefanomichelato

alla fine pare che il governo ce la abbia fatta!
ha modificato l’articolo 6 del DPR 380 del 2001 nel quale si definisce “L’attività edilizia libera”
vedi il testo del DDL Brunetta interamente recepito, pare da fonti giornalistiche, all’art. 7 (PDF – 6MB – fonte: sole24ore.com)
Nonostante gli ordini professionali di architetti e ingegneri e le associazioni, compresa la nostra, avessero protestato e richiesto incontri e ripensamenti sul testo, motivando e argomentando, il governo è andato per la sua strada.
adesso molte manutenzioni straordinarie sono libere da DIA
male, molto male!!!

la posizione dell’ordine degli architetti di roma è chiara: Amedeo Schiattarella parla di irresponsabilità nel video di repubblicaTV

noi concordiamo con il Presidente degli Architetti romani

Liberalizzate le manutenzioni straordinarie, ecco le ristrutturazioni senza DIA!

Posted in ambiente, architetti, news, urbanistica tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , a 12:05 di alegre68

Gli interventi di manutenzione straordinaria potranno essere effettuati senza la denuncia di inizio attività (dia).
La liberalizzazione della maggior parte dei lavori in casa è stata inserita nel decreto legge incentivi varato dal Consiglio dei ministri, la norma recupera una parte del disegno di legge Calderoli-Brunetta sulle semplificazioni contestato tenacemente dagli Architetti
Il decreto legge modifica l’articolo 6 del testo unico sull’edilizia varato con il Dpr 380/2001. ampliando le tipologie di intervento che non hanno bisogno di titoli autorizzatori per essere realizzati
Dura la posizione del Consiglio Nazionale Architetti
Le domande che ci poniamo ora come per il DDl Brunetta sono le stesse:
quale figura professionale controllerà la vivibilità degli spazi abitativi e verificherà l’incidenza dell’intervento su parti strutturali dell’edificio?
Può il committente stabilirlo da solo? con quali competenze?.
Chi verificherà e con quali mezzi le comunicazioni alle amministrazioni (se non integrate da disegni e relazioni)?
Infine:
…il disegno di legge sul condono edilizio, le recenti polemiche sulle competenze dei tecnici professionisti e il ddl Vicari, questo decreto… ma a qualcuno in questo Paese interessano qualità architettonica, vivibilità degli spazi, salvaguardia del patrimonio architettonico governo del territorio?

fonti:
Ordine degli Architetti di Roma

10/12/2009

DDL Brunetta: il Consiglio Nazionale degli Architetti propone un emendamento

Posted in architetti, news tagged , , , , , , , , , , a 11:52 di stefanomichelato

dal sito dell’Ordine degli Architetti di Roma:
il Consiglio Nazionale degli Architetti ha comunicato agli Ordini Provinciali di aver inviato una propria proposta di emendamento al testo del Disegno di Legge all’On.Renato Brunetta e al Sen.Roberto Calderoli.

ovvero una DIA !!!!
ma non chiamandola con il proprio nome e creando un altro po’ di confusione!

04/12/2009

DDL Brunetta: il Ministero risponde

Posted in architetti, geometri, ingegneri, news tagged , , , , , , , , , , , a 21:22 di stefanomichelato

il Ministero risponde al Presidente dell’Ordine degli Architetti e al Presidente di Federarchitetti.
la lettera può essere scaricata da edilportale

leggo con piacere che il ministero risponde, almeno per formulare attenzione al problema posto dagli architetti.
NON è ancora una risposta soddisfacente. Andiamo avanti con la determinazione dimostrata e portiamo a casa un DDL che sia rispondente alla esigenza sentita da tutti di semplificare le procedure e il nostro lavoro. Senza svilire la professione e deturpare il territorio.
La norma deve essere riscritta.

segnaliamo con piacere l’iniziativa sul tema di federarchitetti a cui possono partecipare tutti
il giorno 11 dicembre presso l’Hotel NH Giustiniano, in via Virgilio

23/11/2009

Ddl Brunetta – Atepro richiede un incontro tra professionisti e Ordini professionali

Posted in news tagged , , , , , , , , , , , , a 17:05 di alegre68

L’Associazione ATEPRO richiede un incontro di tutti i professionisti con gli Ordini professionali del comparto dell’edilizia al fine di definire una linea condivisa da proporre al Governo per la modifica del Disegno di Legge prima della sua discussione in Parlamento

Ddl Brunetta – Lettera dell’Ordine degli Architetti di Roma

Posted in architetti, geometri, ingegneri, news, roma, urbanistica tagged , , , , , , , , , , a 16:56 di alegre68

Il Presidente dell’Ordine degli Architetti di Roma ha richiesto al Ministro Brunetta un incontro per esporre ragioni e proposte per modificare il testo del Disegno di Legge “Disposizioni in materia di semplificazione dei rapporti della Pubblica Amministrazione con cittadini e imprese e delega al Governo per l’emanazione della carta dei doveri delle amministrazioni pubbliche” approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 12 novembre.