18/02/2010

Ad ognuno il suo! No al DDL 1865

Posted in ambiente, architetti, associazione, beni culturali, geometri, ingegneri, news, urbanistica tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , a 01:29 di stefanomichelato

Sono giorni che ci pensiamo.
Non riusciamo a trovare un motivo per accettare questo osceno DDL 1865!
La Senatrice Vicari, evidentemente dimentica di essere architetto e quindi edotta della materia, ha presentato un disegno di legge che ha l’apparente obiettivo di favorire la categoria dei geometri.
Gli assegna improbabili compiti che né la preparazione scolastica né l’esperienza professionale potranno mai fargli assolvere con la necessaria competenza.
Redigere un piano di recupero, progettare un edificio di qualsiasi dimensione (purché sezionato strutturalmente in corpi da 5000 mc) cimentarsi nel recupero di un edificio di un tessuto storico sono tutte attività professionali ammesse da questo DDl.
Chiunque abbia un minimo di coscienza e di cognizione su quanto sia necessario sapere per affrontare queste attività progettuali può facilmente comprendere che esse debbano non essere consentite a, seppur valenti ed esperti, diplomati ma, semmai, al contrario, a professionisti laureati e, magari, specializzati.
Urbanisti, restauratori, architetti, paesaggisti, strutturisti, impiantisti, esperti di bioedilizia, di ecosostenibilità, di progettazione energetica hanno studiato inutilmente.
Per la senatrice Vicari è sufficiente un diploma.
Per noi no!
Noi sappiamo che la dignità e la forza della professione di geometra risiede altrove. Nella capacità di assolvere il proprio lavoro con la serietà e la competenza che il proprio percorso di studi gli fornisce.
Il nostro Paese ha la necessità che ogni professionista faccia al meglio il proprio lavoro.
Un urbanista, un architetto, un ingegnere non sapranno mai fare il lavoro del geometra, potranno arrabbattarsi. Così un geometra o un perito edile potranno far quadrare i conti di una progettazione urbanistica o edilizia, ma, a meno di qualche eccezione che qui non può interessare, non avranno le conoscenze scientifiche ed umanistiche sufficienti per affrontare la complessità delle problematiche insita nelle progettazioni suddette.
Il declino del nostro Paese, del nostro Territorio, del nostro Paesaggio passano dal mancato riconoscimento delle peculiarità e degli apporti che ogni singolo professionista può dare all’interno del complesso processo di trasformazione del territorio.
Tale povertà di intenti non può che costringerci a rigettare con forza questo DDL.
Invitiamo tutti a firmare la petizione contro questo disegno di legge che danneggia tutti, geometri compresi.
Invitiamo l’Ordine degli Architetti e l’Ordine degli Ingegneri di Roma a prendere posizione contro questa assurdità ed il Collegio dei Geometri a ripensare la propria posizione, anche a reale tutela della propria categoria.
Invitiamo inoltre i Senatori e gli Onorevoli tutti a considerare questo DDL l’occasione fornitagli dalla Senatrice Vicari per definire le competenze di tutti i professionisti coinvolti nel processo di trasformazione del territorio.

Annunci

29/08/2009

Piano casa Regione Lazio: on line il testo della Legge regionale 11 agosto 2009, n. 21

Posted in architetti, geometri, ingegneri, news, urbanistica tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , a 15:44 di stefanomichelato

finalmente riusciamo a pubblicare il testo approvato.
ecco il link alla pagina del sito del consigliere carapella con il testo in pdf.
in altrenativa il testo puo essere letto sul sito della Regione Lazio al seguente link

la legge è stata pubblicata il 21 agosto 2009 sul BURL.

pertanto si potranno presentare le DIA o i PdC dal 20 novembre 2009 al 19 novembre 2011…

come recita l’art. 6 comma 4 : La DIA e le domande di concessione del permesso di costruire di cui al comma 2 devono essere presentate a partire dalla scadenza del termine di novanta giorni di cui all’articolo 2, comma 3 ed entro il termine di ventiquattro mesi decorrente dalla medesima scadenza

sul sito dell’ordine degli architetti di roma si puo trovare una esauriente rassegna stampa e i link al testo

per il resto…la lettura attenta del dispositivo ci permetterà, nel mese di settembre, di commentare la norma.

01/06/2009

Approvata la nuova classificazione sismica della Regione Lazio

Posted in ambiente, news, roma, urbanistica tagged , , , , , , , a 14:24 di alegre68

La Giunta del Lazio ha approvato la nuova classificazione sismica. Rispetto alla classificazione del 2003 la nuova prevede un innalzamento della sicurezza sismica con l’aumento dei Comuni in Zona Sismica 1 e la scomparsa della zona sismica 4 (la meno pericolosa).
Con la nuova classificazione vengono istituite sottozone sismiche che non tengono conto del vincolo territoriale comunale e che consentiranno di differenziare la pericolosita’ sismica sul territorio regionale.
Entro 90 giorni la regione Lazio dovrebbe emanare gli indirizzi e criteri per gli studi di microzonazione sismica da effettuare da parte delle amministrazioni locali in fase preventiva agli strumenti urbanistici.