29/05/2012

I GIOVANI E IL CANTIERE

Posted in ..CORSI.., architetti, associazione, geometri, ingegneri, news tagged , , , , , , , , , , , , a 16:54 di stefanomichelato

Formazione al lavoro: accordo tra la Provincia di Roma, Parsitalia, Istituto Superiore Leon Battista Alberti, l’associazione “idee in corsa” e l’associazione Atepro. Gli studenti che frequentano il corso di geometra potranno effettuare visite tecniche nei cantieri per vedere le varie fasi delle costruzioni; inoltre gli studenti del quinto anno potranno fare stages formativi nei cantieri.

Incontro di presentazione della iniziativa venerdi 1 giugno alle ore 11.30 presso il Leon Battista Alberti – viale della civiltà del lavoro, 4

invito_alberti

Annunci

28/03/2012

gli interventi edilizi e i relativi titoli abilitativi: circolare esplicativa del comune di roma

Posted in news tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , a 16:39 di stefanomichelato

il Comune di Roma ha fatto una circolare esplicativa per spiegare quali titoli abilitativi sono necessari nei vari casi di interventi edilizi.
http://www.urbanistica.comune.roma.it/images/stories/uo_permessi/circolare-esplicativa09032012.pdf
assolutamente necessario per capire come orientarsi nel mondo delle CIA DIA SCIA ecc.ecc.

non mancano le sorprese!
buona lettura!!

10/08/2011

PIANO CASA LAZIO: giornate di studio ATEPRO

Posted in ..CORSI.., associazione, news tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , a 23:46 di stefanomichelato

PRIMA GIORNATA DI STUDIO – gli ampliamenti edilizi

ATEPRO organizza il 3 settembre 2011 una giornata di studio sul piano casa del Lazio.

La giornata è dedicata ai soci in regola con l’iscrizione.
Il programma dell’incontro prevede:

  • lo studio dell’articolato della legge
  • lo studio delle modifiche introdotte alle altre norme regionali
  • l’analisi dei tempi di attuazione
  • ampliamenti, cambi di destinazione d’uso, demolizione e ricostruzione
  • pausa per colazione
  • workshop – ampliamento di un fabbricato plurifamiliare, le possibilità date dalla integrazione con la normativa antisismica e per il risparmio energetico.

orario: 9.30 -18.30
Sono aperte le prenotazioni (minimo 5 – massimo 15 partecipanti).  Sarà data conferma a coloro che si saranno prenotati. È indispensabile essere provvisti di computer portatile.

Sarà organizzata una seconda giornata nella seconda metà di settembre sugli interventi complessi con valenza urbanistica.

22/07/2011

Ex Velodromo Olimpico processo partecipativo: no al programma di intervento

Posted in news, roma, urbanistica tagged , , , , , , , , , , , , , , a 13:40 di alegre68

Si è svolta ieri presso l’Auditorium dell’Istituto “Massimiliano Massimo” la prima assemblea partecipativa aperta alla cittadinanza  sul programma d’interventi per la trasformazione dell’area dell’ex Velodromo Olimpico.

L’assemblea ha raccolto i contributi di Associazioni e cittadini del XII Municipio che hanno espresso in maniera univoca una forte critica sia al progetto che prevede la realizzazione di 4 edifici residenziali nell’area dell’ex velodromo e di  2 edifici a torre (altezza fino a 90 metri)  con destinazione sempre residenziale su viale dell’Oceano Pacifico per un totale di 68.000 mq di abitazioni contro 7.621mq di servizi pubblici, sia contro le modalità di organizzazione della procedura partecipativa.

Si è inoltre criticato la motivazione posta a base del processo di formazione della proposta di variante all’ Accordo di Programma, giustificato attraverso le necessità economiche e finanziarie del Proponente e delle Amministrazioni coinvolte in altre operazioni in corso sullo stesso quadrante, come il centro Congressi (la nuvola di fuksas). Quasi tutti gli intervenuti hanno ritenuto inammissibile tale giustificazione.

ATEPRO ha partecipato alla Assemblea offrendo il suo contributo scritto;

il contributo dell’Associazione è così sintetizzabile:

  • Organizzare ex novo il processo di partecipazione garantendo a tutti i cittadini la possibilità di partecipare (tempi e orari) e l’accesso agli atti (e non soltanto ad una presentazione dell’operazione scaricabile on line);
  • nell’area del Velodromo non devono essere costruite nuove abitazioni;
  • dovrebbe essere mantenuta  la localizzazione di servizi per i cittadini nell’area e che venga incentivata la ricerca della qualità architettonica nel processo di progettazione;
  • Il progetto deve essere rivisto alla luce della candidatura della città alle Olimpiadi 2020.

A breve sul sito dell’Assessorato all’Urbanistica del Comune di Roma dovrebbero essere  visibili gli interventi e i contributi partecipativi presentati ieri  che saranno recepiti nel Documento della Partecipazione che accompagnerà la proposta di delibera in tutto l’iter procedurale.

23/03/2010

Abolizione delle DIA – Comunicato dell’Ordine degli Architetti di Roma

Posted in architetti, geometri, ingegneri, news tagged , , , , , , , , , , , , , , , a 15:09 di alegre68

Abolizione della DIA per le opere di Manutenzione Straordinaria ecco il Comunicato dell’Ordine degli Architetti PPC di Roma e provincia:

“……Da oggi, considerato anche lo stato di gran parte del patrimonio edilizio italiano, l’inizio dei lavori nell’appartamento del mio vicino di casa ci rende tutti più inquieti…..”
“……L’Ordine degli Architetti di Roma non vuole rassegnarsi a questo provvedimento… “

all’Ordine degli Architetti di Roma tutto il sostegno di ATEPRO !

18/02/2010

Ad ognuno il suo! No al DDL 1865

Posted in ambiente, architetti, associazione, beni culturali, geometri, ingegneri, news, urbanistica tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , a 01:29 di stefanomichelato

Sono giorni che ci pensiamo.
Non riusciamo a trovare un motivo per accettare questo osceno DDL 1865!
La Senatrice Vicari, evidentemente dimentica di essere architetto e quindi edotta della materia, ha presentato un disegno di legge che ha l’apparente obiettivo di favorire la categoria dei geometri.
Gli assegna improbabili compiti che né la preparazione scolastica né l’esperienza professionale potranno mai fargli assolvere con la necessaria competenza.
Redigere un piano di recupero, progettare un edificio di qualsiasi dimensione (purché sezionato strutturalmente in corpi da 5000 mc) cimentarsi nel recupero di un edificio di un tessuto storico sono tutte attività professionali ammesse da questo DDl.
Chiunque abbia un minimo di coscienza e di cognizione su quanto sia necessario sapere per affrontare queste attività progettuali può facilmente comprendere che esse debbano non essere consentite a, seppur valenti ed esperti, diplomati ma, semmai, al contrario, a professionisti laureati e, magari, specializzati.
Urbanisti, restauratori, architetti, paesaggisti, strutturisti, impiantisti, esperti di bioedilizia, di ecosostenibilità, di progettazione energetica hanno studiato inutilmente.
Per la senatrice Vicari è sufficiente un diploma.
Per noi no!
Noi sappiamo che la dignità e la forza della professione di geometra risiede altrove. Nella capacità di assolvere il proprio lavoro con la serietà e la competenza che il proprio percorso di studi gli fornisce.
Il nostro Paese ha la necessità che ogni professionista faccia al meglio il proprio lavoro.
Un urbanista, un architetto, un ingegnere non sapranno mai fare il lavoro del geometra, potranno arrabbattarsi. Così un geometra o un perito edile potranno far quadrare i conti di una progettazione urbanistica o edilizia, ma, a meno di qualche eccezione che qui non può interessare, non avranno le conoscenze scientifiche ed umanistiche sufficienti per affrontare la complessità delle problematiche insita nelle progettazioni suddette.
Il declino del nostro Paese, del nostro Territorio, del nostro Paesaggio passano dal mancato riconoscimento delle peculiarità e degli apporti che ogni singolo professionista può dare all’interno del complesso processo di trasformazione del territorio.
Tale povertà di intenti non può che costringerci a rigettare con forza questo DDL.
Invitiamo tutti a firmare la petizione contro questo disegno di legge che danneggia tutti, geometri compresi.
Invitiamo l’Ordine degli Architetti e l’Ordine degli Ingegneri di Roma a prendere posizione contro questa assurdità ed il Collegio dei Geometri a ripensare la propria posizione, anche a reale tutela della propria categoria.
Invitiamo inoltre i Senatori e gli Onorevoli tutti a considerare questo DDL l’occasione fornitagli dalla Senatrice Vicari per definire le competenze di tutti i professionisti coinvolti nel processo di trasformazione del territorio.

23/11/2009

Ddl Brunetta – Atepro richiede un incontro tra professionisti e Ordini professionali

Posted in news tagged , , , , , , , , , , , , a 17:05 di alegre68

L’Associazione ATEPRO richiede un incontro di tutti i professionisti con gli Ordini professionali del comparto dell’edilizia al fine di definire una linea condivisa da proporre al Governo per la modifica del Disegno di Legge prima della sua discussione in Parlamento

02/05/2009

Proposta di legge in materia di responsabilità processuale delle associazioni di protezione ambientale

Posted in ambiente, news tagged , , a 17:50 di alegre68

vorrei segnalare la presentazione di una proposta di legge (n. 2271) che propone una modifica dell’articolo 18 della legge 8 luglio 1986 n. 349 (responsabilità processuale delle associazioni di natura ambientale), e che potrebbe costituire un serio deterrente all’attività di associazioni ambientaliste e comitati in materia di abusi edilizi, paesaggio, ambiente, urbanistica, territorio.
Chi contrasta davanti al TAR abusi edilizi o violazioni ambientali nel progetto di un opera, rischia di pagare risarcimenti milionari qualora il ricorso alla giustizia amministrativa “sia respinto perché manifestamente infondato, il giudice condanna le associazioni soccombenti al risarcimento del danno oltre che alle spese del giudizio