23/10/2014

APE – SOSPESO L’INVIO TELEMATICO

Posted in ambiente, architetti, geometri, ingegneri, news, roma a 16:26 di Paolo Saccò

Sul sito della Regione Lazio è comparso un avviso di sospensione temporaneo del servizio di trasmissione degli APE tramite l’invio telematico tramite PEC.
La sospensione, peraltro non concordata con gli Ordini e Collegi professionali, si è resa necessaria a seguito della revisione delle norme UNI-TS 11300 parte 1 e 2 avvenuta il 02/10/2014 da parte del CTI.
Si auspica che la Regione Lazio riattivi tempestivamente l’inoltro telematico ampiamente atteso da tutti i Soggetti Certificatori.

Di seguito si riporta il link Regione Lazio

http://www.regione.lazio.it/rl_casa/?vw=newsdettaglio&id=256

Annunci

10/07/2014

Architettura a 360° e Atepro

Posted in architetti, associazione, news tagged , , , , a 18:28 di alegre68

Per tutti i soci Atepro un’interessante Convenzione:

mc360photo, società specializzata nella realizzazione di fotografie panoramiche e tour virtuali, offre i suoi servizi a prezzi speciali.

Visitate il sito all’indirizzo http://www.mc360photo.com/architettura360.aspx  per vedere alcuni esempi dei loro lavori

I  servizi includono:
– Realizzazione delle riprese fotografiche panoramiche a 360°.
– Post-produzione e pubblicazione su internet delle riprese a 360°.
– Supporto tecnico per l’inserimento delle riprese a 360° nel sito web del committente.

Sono possibili diversi tipi di ripresa:
– Panorama 360″ HR: riprese panoramiche in alta risoluzione in interni o esterni (circa 30.000×15.000 pixel)
– Panorama 350′: riprese panoramiche in risoluzione standard (circa 7.000×3.500 pixel)


Per avere informazioni e l’elenco prezzi in convenzione che includono la consegna del file digitale dell’immagine e la pubblicazione per 12 mesi dell’immagine sul server mc360photo per l’inserimento immediato, senza alcun sviluppo software, del panorama 360′ nel sito web del committente, potete contattare la nostra associazione:
email: info.atepro@gmail.com

23/06/2014

Approvati dal Ministero Modelli unici per SCIA e Permesso di Costruire

Posted in architetti, geometri, ingegneri, news tagged , , , , , a 10:33 di alegre68

Adottati, con l’accordo Italia Semplice siglato il 12 giugno 2014 tra Governo, Regioni ed Enti Locali, i moduli unificati  per la SCIA edilizia e il permesso di costruire.

Di seguito i link per scaricarli

SCIA – modulo unico (PDF)

PdC – modulo unico (PDF)

 

fonti:

Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione

professione architetto

04/06/2014

Il Consiglio Nazionale Architetti sul POS

Posted in architetti, news, ordine tagged , , , a 10:05 di alegre68

Il Consiglio Nazionale Architetti PPC ha richiesto un parere legale per verificare se sussistono le condizioni giuridiche per ritenere obbligatorio per i professionisti accettare pagamenti effettuati con carte di debito a partire dal 30 giugno 2014.

L’obbligo del POS verrebbe meno nel caso in cui venga specificato chiaramente nella lettera di incarico le modalità di pagamento che ne permettano comunque la tracciabilità (bonifico elettronico, addebito diretto, bonifico bancario od assegno non trasferibile  (ricordiamo che la lettera di incarico è obbligatoria in base alla Legge 27/2012). Il cliente, accettandone i contenuti, non può poi richiedere il POS.

Circolare n. 79_1360_14 inviata ai Consigli degli Ordini APPC provinciali

Parere Legale

01/04/2014

Piano casa e NTC, considerazioni

Posted in architetti, geometri, ingegneri, news a 09:38 di fabiomaizza

Vi propongo di seguito alcuni ragionamenti sulla comparazione del piano casa con le Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni (2008).
Il piano casa della regione Lazio, all’art. 3, permette l’aumento di cubatura di un edificio esistente, mediante realizzazione di volumi in aderenza o adiacenza all’edificio esistente. Quindi, la misura, dal punto di vista urbanistico, sembra attuabile mediante una grande pluralità di interventi.
A limitare il campo di applicabilità di questo strumento interviene la Normativa Tecnica per le Costruzione, la quale, al punto 8.4.1, per interventi di sopraelevazione o ampliamento con opere “strutturalmente connesse alla costruzione” obbliga all’adeguamento delle strutture esistenti.
La valutazione della sicurezza, nel caso di intervento di adeguamento, è finalizzata a stabilire se la struttura, a seguito dell’intervento, sia in grado di resistere alle combinazioni delle azioni di progetto contenute nel D.M. Infrastrutture 14 gennaio 2008, con il grado di sicurezza richiesto dalle stesse norme.
Il progetto di ampliamento/sopraelevazione con strutture connesse a quelle esistenti, dovrà pertanto prevedere l’adeguamento dell’intera costruzione e dovrà riportare le verifiche dell’intera struttura post-intervento. In poche parole, la struttura esistente dell’edificio oggetto dell’intervento dovrà risultare verificata con le normative oggi vigenti.
Le varie stesure delle NTC, che si sono susseguite negli anni, sono risultate sempre più severe nella definizione delle sollecitazione da applicare alle strutture, soprattutto per quanto riguarda l’azione sismica, e, quindi, sembra impensabile o, quanto meno, antieconomico prevedere un intervento su un edificio realizzato ad esempio negli anni ’70.
Pur condividendo l’obiettivo di rendere più sicure le costruzioni esistenti e non sovraccaricarle con nuovi ampliamenti, l’adeguamento sismico di un intero edifico risulta, comunque, un obiettivo economicamente irraggiungibile, vanificando l’obiettivo del piano casa di incentivare gli interventi edilizi su ampia scala. A poco servirebbe l’incentivo di ampliamento concesso all’art. 3bis del piano previsto per gli adeguamenti
Adeguare un edifico alla normativa vigente, significa verificare tutti gli elementi strutturali alle nuove azioni di progetto, presupponendone la conoscenza completa del progetto strutturale dell’edificio.
Un prima difficoltà, addirittura, potrebbe essere rappresentata dalla mancanza del progetto strutturale (nel senso di non riuscire a reperirlo).
Supponiamo anche il caso fortunato di aver reperito tutte le informazioni necessarie, molto probabilmente dall’analisi potrebbe risultare necessario un intervento di rinforzo sui pilastri (elementi che maggiormente risentono dell’azione sismica). Un intervento del genere, oltre al costo per il consolidamento comporta anche tutti i costi per il ripristino delle finiture.
In conclusione, un intervento di adeguamento di un edificio esistente, di almeno vent’anni, alla normativa vigente è un operazione che può risultare molto onerosa in termini economici e di tempo.
Sarebbe, quindi, necessario aumentare maggiormente gli incentivi per l’adeguamento sismico, non solo con aumenti di cubatura, ma con incentivi economici, ad esempio si potrebbe prevedere l’esclusione degli oneri concessori per interventi di adeguamento sismico, ottenendo comunque il vantaggio per la comunità di avere edifici più sicuri.
Allo stato attuale della legge, un’eventuale nuova cubatura potrebbe essere realizzata in adiacenza all’edificio esistente, con strutture indipendenti, poggianti direttamente sul terreno di fondazione, e adeguatamente distanziate mediante un giunto calcolato sismicamente. La fattibilità di una soluzione simile andrebbe, ovviamente, verificata di volta in volta dal punto di vista urbanistico.
Un’altra opportunità per “recuperare” cubatura senza passare per un adeguamento strutturale dell’edificio, la possiamo trovare nel Regolamento regionale concernete :”Snellimento delle procedure per l’esercizio delle funzioni regionali in materia di prevenzione del rischio sismico. All’art.6 è chiaramente indicato che non sono soggette all’autorizzazione sismica gli interventi di chiusura con infissi di porticati e logge.

27/02/2014

Verso il nuovo Piano Casa – rigenerazione e housing sociale –

Posted in architetti, associazione, news a 00:47 di alegre68

Presso la Casa dell’Architettura, giovedì 6 marzo 2014  dalle ore 17.00 alle 21.00.
2014-03-05-pianocasa
Incontro di presentazione delle modifiche apportate alla Legge Regionale del PIANO CASA e dibattito aperto.

L’evento riconosce crediti formativi.

È obbligatoria la registrazione online.

http://www.architettiroma.it/ordine/inviti/2014-03-06-pianocasa-locandina.pdf

http://www.architettiroma.it/ordine/inviti/2014-03-06-pianocasa-invito.pdf

30/10/2013

Nuovo codice deontologico per gli Architetti

Posted in architetti, news, ordine tagged , , , , , , a 11:33 di alegre68

Il Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha approvato il nuovo Codice Deontologico, entrerà in vigore il primo novembre 2013.

Le nuove norme che rappresentano una “considerevole revisione delle norme deontologiche vigenti” arrivano a seguito della riforma delle professioni e varranno per la professione di Architetto, Pianificatore, Paesaggista, Conservatore, Architetto Iunior e Pianificatore Iunior, anche quando riuniti in Società tra professionisti .

codice_deontologico_ITA

16/10/2013

Architetti: Regolamento per l’aggiornamento e sviluppo professionale continuo

Posted in ..CORSI.., architetti, news, ordine tagged , , , , , a 09:44 di alegre68

Aggiornamento professionale e  formazione saranno obbligatori per gli architetti dal 1 gennaio 2014 .

Il Regolamento per l’aggiornamento e sviluppo professionale continuo degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 17 del 16 settembre 2013.

L’aggiornamento sarà obbligatorio per tutti iscritti all’Albo professionale, con  alcune eccezioni indicate nelle Linee guida.

Dovranno essere acquisiti 90 crediti formativi (CFP) nell’arco di un triennio. Per il primo triennio sperimentale (2014-2016) i crediti da acquisire saranno 60.

Il Testo prevede l’acquisizione dei crediti attraverso:

“a) la partecipazione ai corsi di formazione, anche tramite formazione a distanza on-line;
 b) la partecipazione a master, seminari, convegni, giornate di studio, tavole rotonde, conferenze, workshop, attività di aggiornamento e corsi abilitanti;
 c) altre attività ed eventi specificatamente individuati autonomamente dal CNAPPC o in collaborazione con gli Ordini territoriali.”

 

11/10/2013

APE – nuove modalità di deposito

Posted in ambiente, architetti, geometri, ingegneri, news, roma a 16:09 di Paolo Saccò

Sul sito della Regione Lazio sono pubblicate le nuove modalità di presentazione/deposito degli APE in vigore dal 17 ottobre p.v. Se da un lato sono ampliati gli sportelli abilitati al deposito, interessando anche le altre Province della Regione, venendo incontro anche ai Certificatori con sede Fuori Roma e Provincia dall’altro si è ridotto notevolmente l’orario di apertura dell’originario e unico (almeno sino ad oggi) sportello di Roma.
Si auspica che le singole categorie professionali si attivino sinergicamente per migliorare il servizio di deposito a tutto vantaggio dell’utente finale.

http://www.regione.lazio.it/rl_casa/?vw=contenutiDettaglio&id=51

Risultati elezioni Consiglio dell’Ordine Architetti di Roma

Posted in architetti, associazione, news, ordine tagged , , , , , a 12:28 di alegre68

Si sono concluse le operazioni di spoglio delle schede di voto per le elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli Architetti di Roma e provincia

Sono risultati eletti al Consiglio dell’Ordine di Roma  11 candidati della lista Next e 4 della lista Diritto all’Architettura:

architetto ARTURO LIVIO SACCHI

voti 1458

architetto ANDREA BRUSCHI

voti 1340

architetto PATRIZIA COLLETTA

voti 1331

architetto ALFONSO GIANCOTTI

voti 1328

architetto ELIANA CANGELLI

voti 1325

architetto ALESSANDRO RIDOLFI

voti 1321

architetto PAOLA RICCIARDI

voti 1313

architetto iunior LUISA MUTTI

voti 1312

architetto VIRGINIA ROSSINI

voti 1291

architetto GIOVANNI ASCARELLI

voti 1281

architetto ORAZIO CAMPO

voti 1275

architetto FABRIZIO PISTOLESI

voti 1274

architetto ALDO OLIVO

voti 1272

architetto DANIELA PROIETTI

voti 1271

architetto GIORGIO MARIA TAMBURINI

voti 1270

Per la nostra Associazione che ha appoggiato in questa campagna la lista NEXT rappresenta un ottimo risultato.

Vogliamo ringraziare tutti i colleghi che sono andati a votare (circa 4000) e soprattutto quelli che ci hanno seguito in questo percorso.

Siamo certi che  questa nuova consigliatura  lavorerà  con l’impegno, la  trasparenza e la coerenza di cui l’Ordine di Roma  ha bisogno.

Da parte nostra continuerà l’impegno   per un settore, quello delle Professioni Tecniche, che ha bisogno di profonde trasformazioni, coinvolgendo il nuovo consiglio  ed il  suo presidente con progetti e proposte concreti, perché l’Ordine degli Architetti possa diventare un’istituzione a sostegno di tutti gli iscritti.

Buon lavoro a tutti!

Pagina successiva